Regione Lazio, Sistema Bibliotecario del Sud Pontino

Ma misi me per l'alto mare aperto"Ma misi me per l'alto mare aperto"

Ulisse, eroe moderno. Ulisse, uno di noi.
Un viaggio alla scoperta dell’identità tra musica e letteratura

Nella società contemporanea sembra che non ci sia più spazio per leggere, né soprattutto desiderio di farlo. Questo è il tempo della tecnologia e dei grandi mezzi di comunicazione; è il tempo della comunicazione virtuale, attraverso i social network, che assorbono la maggior parte del nostro tempo e dei nostri interessi.
Lettura e ascolto sono facoltà sempre meno allenate dall’uomo contemporaneo, dacché richiedono riflessione, tempo, concentrazione: tutte prerogative che non si addicono alla nostra “società liquida”, secondo la celebre definizione di Zygmunt Bauman.
La Letteratura, nella sua mirabile sintesi di prosa e poesia, e la Musica costituiscono, invece, un patrimonio culturale inestimabile per l’uomo. Attingere alle fonti della Poesia, della Musica, dell’Arte nobilita il nostro animo, corrobora il nostro spirito, ci arricchisce interiormente.
La lettura dei Classici, così come l’ascolto della musica ci trasporta in un mondo altro, producendo nel frattempo su di noi un gran numero di benefici, tra cui: stimolare la mente, ridurre lo stress, migliorare le nostre conoscenze, migliorare la memoria, rendere più forte la capacità analitica del pensiero, migliorare il livello di attenzione e di concentrazione, provocare tranquillità.
“Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso”: è così che il celebre intellettuale Umberto Eco esprime la propria devozione nei confronti di una delle più rilevanti virtù dell’uomo: la letteratura.
I libri, oggetti disanimati apparentemente innocui, si dimostrarono nel corso della storia indispensabili per la tanto minacciata libertà intellettuale. – Non a caso i più ostici regimi totalitari esordirono con dirompenti falò alimentati da opere scritte e legname -.
Leggere permette all’uomo di espandere la propria visione, evita una sterile chiusura di se stesso nella singolarità di una prospettiva univoca. Le parole, caricatesi di valenza poetica e retorica, lo pongono sempre più ad un passo dall’irraggiungibile essenza della vita stessa, di fronte alla quale si innesca un fervido e perpetuo processo conoscitivo.
La lettura di un buon libro è un viaggio verso una dimensione intellettuale in un cui l’uomo ha la possibilità di intraprendere una momentanea e salutare astrazione dall’aspetto tedioso della convenzionalità quotidiana. Essa offre l’impulso necessario per uno slancio della nostra immaginazione in prossimità di nuove vite e nuovi mondi in cui l’uomo viene posto in contrasto con tutto ciò che gli è estraneo, adempiendo a quella che osiamo definire autocoscienza hegheliana.
Un’ulteriore citazione di Umberto Eco rimarca l’inesorabile valore della letteratura:“Chi non legge a sessanta anni avrà vissuto una sola vita: la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni: c’era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l’infinito…perché la letteratura è un’immortalità all’indietro”.

Letture, perlopiù di testi in poesia, unite a musica e canto, proiezioni di video e fonti archeologiche, iconografiche e fotografiche saranno l’ordito del percorso, costellato di commenti e chiavi interpretative, in un armonico mosaico di variegate tessere, alla scoperta dell’identità dell’Io, del “chi sono”, “chi siamo”: “individualmente insieme” nell’odierna società globalizzata.
Nel suo travagliato viaggio Ulisse è un eroe moderno; è l’alter ego di ciascuno di noi, in un continuo cammino di conoscenza di sé e dell’Altro da sé, scoperta e (ri)scoperta.
Alcuni passi dell’Odissea omerica e dell’Eneide virgiliana ci accompagneranno in questo percorso letterario e musicale insieme, sotto l’egida di memorabili versi del padre della nostra Letteratura, Dante Alighieri, in particolare tratti dal XXVI canto dell’Inferno: il canto di Ulisse.
Parole e Musica saranno ali per il nostro “folle volo” inseguendo “virtute e canoscenza”.

In questo periodo particolare di emergenza Covid-19, abbiamo previsto, in alternativa, concerti on line e/o registrazioni da trasmettere sia attraverso i canali social che attraverso TV locali.

Date passate...

  • settembre
    27
    Monte San Biagio
    Belvedere Castello
    ore 21:00
  • settembre
    05
    Fondi
    Castello Caetani
    ore 21:00
  • agosto
    30
    Terracina
    P.za Domitilla
    ore 21:00
  • agosto
    28
    Castelforte
    P.za San Giovanni
    ore 21:00
  • agosto
    23
    Lenola
    Teatro com.le Colle Lenola
    ore 21:00
  • agosto
    21
    Campodimele
    P.za Municipio
    ore 21:00